1 Settembre 2018

Uno studio ci spiega i motivi dell’infedeltà

Vota qui post

perchtradiamo

Il 21% dei matrimoni è ‘colpito’ da tradimento di uno dei due partner.

Il 36 % degli uomini intervistati da una ricerca pubblicata su Lei  dichiara di aver perlomeno flirtato con una donna entro il 3° anno di nascita del figlio.

L’11 % delle donne ammette di aver almeno flirtato con un uomo dopo il 5°anno dalla nascita del figlio.

Il 47 % degli intervistati ha dichiarato che tra il 7° e il 9° anno di matrimonio la noia la fa da padrone.

Fra il 7° e il 9° anno di matrimonio le donne con il 46% e gli uomini il 58% dichiarano di aver tradito il partner o di aver flirtato con qualcuno.

Dopo il 9° anno di matrimonio il tradimento diventa ‘seriale’ per il 36% delle donne e il 49% degli uomini.

L’ultimo dato però è confortante:  dopo il 25° anno di matrimonio il dato dei tradimenti cala vertiginosamente, sarà dato dall’età o da un effetto generazionale?

Il fatto rimane che il matrimonio, che sia religioso, civile, o semplice unione di fatto non salva molte persone dal portare delle belle corna, che spesso possono risultare anche utili per slanciare la figura o se ramificate per appenderci i sacchetti della spesa. 

Avete mai pensato a cosa significhi per la generazione moderna il termine monogamia? Un partner unico alla volta, non un partner unico per la vita, mentre la definizione ufficiale vorrebbe che monogamia fosse inteso come: Unione matrimoniale di un solo uomo con una sola donna.

L’infedeltà oggi è altamente praticata nonostante sia moralmente vietata e molto poco capita.

Ma se approfondissimo il concetto di infedeltà cosa scopriremmo? Che ci sono ad esempio vari livelli di infedeltà. 

Infedeltà è sicuramente andare a letto con qualcun’altro/a, e su questo penso che saremo tutti d’accordo, ma essere iscritti segretamente ad un sito per appuntamenti? Chattare con un conoscente o uno sconosciuto in modo spinto? Inviare emoticon con i baci creando speranze, o anche solo guardare film porno? Dove si mette il limite per il tradimento? Quale è il paletto oltre il quale non si può andare? Quando è che vi siete veramente sentiti traditi? 

Il tradimento include anche la perdita di fiducia nell’altra persona per motivi non legati al sesso. Ad esempio il fatto di nascondere qualcosa al partner, da un problema lavorativo, ad una dipendenza da gioco o alcool o droga potrebbe essere l’inizio della fine. Storie finite perché il marito ha finito tutto al gioco senza che la moglie se ne accorgesse, e storie di donne fortemente depresse che si imbottivano di ogni genere di pillola senza farne parola con il marito. Il fatto di poter guardare l’altro negli occhi e negare un comportamento è tradimento?

infedeltmatrimoni

 

 

condividi questo contenuto
condividi questo contenuto
Articoli correlati
3 Giugno 2022
Incidenti a scuola: di chi è la responsabilità?
27 Giugno 2024
Fine di una relazione: riprendersi cura del proprio aspetto
19 Ottobre 2023
 L’Importanza del Tempo di Qualità nella Vita dei Genitori Single