1 Settembre 2018

Festa del papà: un giorno davvero bello

Vota qui post

festadelpap

Sicuramente è una questione di gusti personali, ma i papà hanno sempre un fascino davvero particolare. Sarà l’istinto, sarà qualche capello grigio che brilla ai primi raggi primaverili, saranno le piccole rughe che denotano sempre un po’ di esperienza maturata, ma questi uomini fanno davvero girare la testa.

Se poi sono dei Gengle a tutti gli effetti, diventano ancora più affascinanti. Il nostro sesto senso femminile non tarda a farsi sentire e li annusiamo nell’aria. Come i cani da tartufo.

Ma perché ci piacciono così tanto?

Ci ho pensato un po’, osservando gli individui maschili nel loro habitat naturale e, dopo attenta analisi e adeguata indagine di mercato, ho scoperto i cinque elementi che li rendono così irresistibili!

  1. Età. Generalmente i gengle hanno superato i 25 anni, anzi, direi che hanno qualche lustro in più, e questo li rende davvero molto intriganti. Nonostante la moda del toy-boy, personalmente non mi sono mai piaciuti i ragazzini, nemmeno quando avevo l’età per andarci a cena senza sembrare fuori luogo. Il fascino dell’uomo maturo batte gli altri maschi dieci a zero. Non c’è addominale scolpito che tenga o capello fluente che possa reggere il confronto. Anche perché, accanto ad un gengle accantoniamo la nostra innata sindrome materna e diamo libero sfogo alla femminilità. A tratti panterosa, a tratti ribelle.

 

  1. Aspetto. Strettamente legato all’età c’è sicuramente anche l’aspetto fisico. Un uomo vero è maturo e non è un ragazzino senza peli (molto spesso anche sulla lingua…) Sarà per la mia passione per il vintage e per i Rolling Stones, ma la rughetta vicino all’occhio furbo e l’occhiale modaiolo, per necessità da vista, secondo me hanno un fascino impagabile. In più questi uomini hanno avuto anni a disposizione, prima di incontrare noi, per provare accostamenti fantasiosi in fatto di moda e abbigliamento e quindi, finalmente, li troviamo già pronti, con qualche idea ben chiara in testa. In più, consapevoli del tempo che passa, si dedicano ad un minimo sindacale di attività fisica che li rende sudaticci ma mai con il fiato corto. Quindi pronti per ogni occasione.

 

  1. Paternità. Hanno provato la gioia dell’essere padre e conoscono il panico da sala parto. Essendo separati capiscono cosa significa occuparsi a tempo pieno di un figlio e quindi hanno maturato quell’esperienza che noi proviamo quotidianamente. Hanno questo “bagaglio culturale” che per noi vale di più che conoscere tutte le opere di Dostojevsky e ci rassicura sapere che stiamo parlando la stessa lingua. Ma attenzione a non trasformarli nella nostra personale valvola di sfogo per lamentarci di tutto quello che dobbiamo subire dal nostro ex coniuge, anche se hanno sviluppato una forte empatia dovuta allo stesso tortuoso percorso. Non sono i nostri cestini ambulanti e se li trattiamo così fanno bene a scappare a gambe levate!

 

  1. Vivono da soli. Abitano in case a completa disposizione, tranne che a week end alterni, quindi se vogliono cucinare per noi oppure hanno voglia di passare una nottata romantica in nostra compagnia si tratta solo di coordinare le agende, perché lo spazio a disposizione non manca. Visto che la casa familiare comunque è rimasta alla ex moglie (e noi lo sappiamo bene) in questo nuovo nido può emergere tutta la loro reale personalità così che una visitina anche solo per un aperitivo veloce e conoscitivo può diventare interessante come esaminare la scena di un delitto. Da una casa, come insegna Marie Kondo con i suoi occhi a mandorla, si possono capire tantissime cose.

 

  1.  Pazienza. Se sono riusciti a gestire una ex moglie e il relativo pacchetto-parenti-serpenti, se riescono ad avere un rapporto abbastanza equilibrato con la loro madre che ha finalmente metabolizzato la fine del matrimonio del suo unico figlio maschio e se riescono a gestire la prole, sicuramente avranno sviluppato una buona capacità di problem solving e hanno una pazienza non indifferente. Se addirittura trovate quello del gruppo che non parla male della ex moglie, segnate il suo numero di telefono in agenda e NON cancellatelo per nessun motivo al mondo. Questo significa che è un uomo con gli attributi giusti e per lui gestire le nostre occasionali nevrosi sarà un gioco da ragazzi. Non c’è niente di più affascinante di un maschio che riesce a rimanere calmo davanti ad un problema e che riesce ad infonderci sicurezza. E’ molto più erotico di tanti Mr Grey nelle loro stanze segrete del piacere. Un uomo che non perde la testa davanti alle difficoltà per me ha già un posto a podio e per il momento gli altri due sono ancora liberi.                                                                                                                                                                       festadelpapa 2

 

 

condividi questo contenuto
condividi questo contenuto
Articoli correlati
3 Giugno 2022
Incidenti a scuola: di chi è la responsabilità?
27 Giugno 2024
Fine di una relazione: riprendersi cura del proprio aspetto
19 Ottobre 2023
 L’Importanza del Tempo di Qualità nella Vita dei Genitori Single